YouTube annuncia slow motion, nuova funzione di video editing

YouTube annuncia slow motion, nuova funzione di video editing

youtube-slow-motion

Siamo abituati a vedere i video al rallentatore per catturare emozioni o momenti particolari. Pensiamo al replay del calcio o alla moviola in cui si analizzano le situazioni di gioco. YouTube ha pensato ad una nuova funzionalità per i video amatoriali con una nuova funzionalità (slow motion) annunciata sul suo blog per applicare ai propri filmati un nuovo effetto.

Con il progetto YouTube Editor da un po’ Google lavora per offrire nuovi strumenti di editing per chi produce video spingendo sul proprio servizio che potrebbe rappresentare la tv del futuro. E così con questo nuovo strumento è possibile rallentare le immagini dei propri video fino ad 1/8 della velocità normale.

Il risultato è buono e permette di dare un tocco di creatività alle proprie produzioni.

Come funziona

Per provare questa nuova interessante funzionalità di video editing basta andare su http://www.youtube.com/editor con il proprio account Google e attivarla su uno dei propri video.

youtube-editor-slowmotion

E’ sufficiente trascinare i video e i file audio nell’apposita sezione che vedi in foto per vedere il risultato finale.

Qualche esempio

Sul sito ufficiale ci vengono proposti degli esempi con un video su Times Square proposto prima e dopo l’applicazione dello slow motion.

Ecco come diventa il video :

Chi fa marketing o video a livello amatoriale può iniziare a girare i propri spot sperimentando l’effetto “slomo”. Non è detto che Google non proponga in futuro degli strumenti professionali avanzati per aiutare i produttori di video a costruire dei canali più professionali.

Per il momento molti strumenti gratuiti vengono rilasciati, staremo a vedere quali saranno i prossimi.

Avatar
Appassionato di Web Marketing, di motori di ricerca e strategie SEO. Lavoro come freelance offrendo consulenza a società e clienti che vogliono migliorare la loro presenza e visibilità sul web.

NESSUN COMMENTO

Rispondi: