Via libera dell’AgCom: Wi-Fi nelle automobili per Vodafone

Via libera dell’AgCom: Wi-Fi nelle automobili per Vodafone

0 745

L’auto connessa è uno degli obiettivi a cui mirano tutti i costruttori di automotive nel futuro più immediato. Si tratta, in gergo, dell’infotainment, ovvero di una serie di servizi legati alla rete, che permettono ai passeggeri di divertirsi, ascoltare la musica e navigare in rete durante il viaggio in macchina. Su questo argomento si stanno facendo passi da gigante e tutti i costruttori hanno scelto di inserire il Wi-Fi in auto per rendere il viaggio più ‘smart’.

Come si attua la connessione all’interno dell’abitacolo? Essa può essere garantita da un sistema di sim che viene installato nell’abitacolo della vettura e che viene agganciato mediante l’impiego di uno strumento multimediale come lo smartphone o il tablet. In Italia la navigazione collettiva è stata testata per prima dal gruppo Vodafone, forte di un’esperienza maturata all’estero. Vodafone ha quindi iniziato il suo progetto chiedendo il via libera al Garante per le Comunicazioni, ovvero l’AgCom, e lo ha subito ottenuto.

Vodafone sta quindi effettuando le prime sperimentazioni, sulla base del servizio Internet ‘In the Car’ messo in piedi a Londra per i tassisti, che lo possono proporre ai loro clienti. Il servizio si propone gratuito e quindi testabile nel primo mese e poi il tassista paga il suo abbonamento mobile e può offrire la rete ai suoi clienti.

Per potenziare il servizio, Vodafone ha acquistato nel 2014 la società Cobra di Varese, che si impegna a confezionare servizi telematici dedicati ai costruttori di automobili. Una scelta lungimirante, considerati i passi da gigante che questa tecnologia sta compiendo nel presente e la volontà delle case automobilistiche di inserirla nella totalità delle vetture prodotte. L’operazione è valsa al tempo 145 milioni di euro e, immediatamente dopo, Vodafone ha dato vita a una società complementare, la Vodafone Automotive Italia Spa, completamente dedicata al settore. La società è già attiva in quanto offre assistenza telefonica ai suoi clienti in caso di avarie e incidenti comunicando con il satellite, ma viene scelta anche dalle compagnie di assicurazione che la impiegano nelle polizze che si basano sul percorso chilometrico.

Lo step successivo è quindi di sperimentare la navigazione collettiva per dotare tutte le vetture della connessione Wi-Fi, che può cambiare non solo il concetto di navigazione su strada, ma anche raffinare la sicurezza e rendere il viaggio in auto un’esperienza completa e dedicata all’intrattenimento dei passeggeri a bordo.

NESSUN COMMENTO

Rispondi: