Uber Black legale (di nuovo) in Italia!

Uber Black legale (di nuovo) in Italia!

0 63

Tempo fa ci eravamo chiesti se servisse veramente la licenza per diventare dei guidatori UBER in Italia, scoprendo che la regolamentazione è estremamente rigida in Italia.

Il 7 Aprile scorso era persino stato bloccato Uber Black (Uber Pop è e rimane vietato), ma adesso il Tribunale di Roma ha revocato l’ordinanza di blocco di Uber Black (con oscuramento della relativa applicazione).

Finalmente è arrivata una notizia positiva, in quanto il Tribunale di Roma ha reso nuovamente il servizio Uber Black completamente legale in Italia, revocando l’ordinanza che blocca e oscurava l’applicazione.

Tuttavia c’è comunque da sottolineare che il servizio non è mai stato realmente interrotto, in quanto il tribunale permise ad Uber di continuare ad esercitare Uber Black in attesa del ricorso.

Tuttavia adesso la decisione è stata annullata, ed il legislatore dovrà pronunciarsi su questa questione, in modo da fare chiarezza su un settore dei trasporti che è in totale caos normativo.

Uber Pop rimane tuttavia ancora vietato in Italia, dopo la sentenza del Tribunale di Torino.

Le guerra non sembra quindi essere ancora finita. Federtaxi ha definito il servizio Uber Black come un servizio completamente illegale che può tuttavia continuare ad operare “grazie al Parlamento ed agli impegni che non sono stati rispettati da parte del Governo”.

Uber invece si è mostrato molto soddisfatto degli ultimi avvenimenti. Ecco il comunicato ufficiale direttamente proveniente dalla pagina Facebook:

Il Tribunale di Roma ha confermato la piena legittimità di UberBLACK in Italia.
Questo significa che sarà possibile continuare ad utilizzare regolarmente la nostra applicazione in Italia, a Roma e a Milano.
Ora più che mai è forte l’esigenza di aggiornare la normativa datata ancora in vigore, al fine di avere regole chiare che consentano a tutti i cittadini di beneficiare di opzioni di mobilità sempre più sicure ed accessibili, grazie alle nuove tecnologie.
Il nostro obiettivo è quello di poter portare in tutta Italia un servizio ancora più economico e alla portata di tutti, come sta già accadendo in oltre 400 città e in più di 70 Paesi in tutto il Mondo.
Ringraziamo tutte le persone che ci hanno supportato in questi giorni tramite messaggi, commenti e petizioni e tutti coloro i quali hanno contribuito a tenere alta l’attenzione sull’argomento condividendo i nostri aggiornamenti.
#iostoconuber #ubernonsiferma

Anche i commenti degli italiani sono stati molto positivi, ed a dir poco feroci nei confronti dei tassisti italiani, che sono stati definiti “ladri” e “retrogradi”.

In molti attendono addirittura il ritorno Uber Pop, che consente (consentiva, dato che in italia è ormai vietato). Uber Pop è “la declinazione collaborativa e low-cost di Uber”, se si possiede dunque una propria vettura (non quelle a marchio Uber, come accade con Uber Black), ci si può iscrivere al servizio come guidatore.

NESSUN COMMENTO

Rispondi: