Elon Musk è pronto a portarci su Marte in 80 giorni per...

Elon Musk è pronto a portarci su Marte in 80 giorni per 100 mila dollari

0 765

Se il secolo scorso è stato contraddistinto dalla sete di avventura sulla Luna, questo secondo secolo, che ormai è già iniziato da un po’, potrebbe essere quello di Marte. E chi, se non il visionario Elon Musk, avrebbe potuto riaccendere in noi la sete di conquista e di conoscenza?

Sembrerebbe essere una storia degna di Ulisse, e della Mitologia greca. Ma qui non siamo nella terra del Sole, ad Itaca, e non stiamo nemmeno parlando degli eroi achei di cui Omero parla nell’Iliade e dell’Odissea. Questa, anche se sembra un film, è la realtà. È il futuro.

Rendere gli umani una specie multi-planetaria

Ma prima di spiegare cosa ha in mente Elon, vediamo questo breve video, che riassume il sistema di Trasporto Interplanetario di SpaceX:

Dopo aver visto questo video, la domanda è: come?

Secondo Elon Musk, si potrebbe raggiungere Marte in soli 80 giorni, potrebbe essere possibile colonizzare il pianeta con 1 milione di persone, promuovendo dunque viaggi alla portata di qualsiasi persona che potrà pagare un biglietto (alquanto salato) di 100 mila dollari. Si tratta di un progetto molto ambizioso da parte di Elon Musk, che tuttavia sta già facendo sul serio, in quanto il sistema è già stato presentato, e si chiama Sistema di Trasporto Interplanetario (Its) nell’ambito del Congresso Astronautico Internazionale (Iac) in corso in Messico.

Si tratta di un annuncio fatto sul palco direttamente da Elon Musk in persona, che è apparso molto più “stanco” rispetto agli annunci precedenti sia con SpaceX e Tesla, forse a causa del fatto che l’annuncio è arrivato a pochissime settimane dopo l’esplosione del missile Falcon 9, che ha portato non poche perplessità nei confronti di quello che chiamano tutti come “l’Iron Man nella vita reale”.

Quello che voglio, è rendere Marte un qualcosa di possibile. Qualcosa da fare nel corso della nostra vita, rendendolo un posto dove poter andare.”

Il piano di Elon Musk, è quello di lanciare già nel 2017 i primi astronauti verso la Stazione Spaziale, inviando su Marte la prima nave (senza equipaggio) già dal 2018.

Il progetto è articolato in un primo razzo con 42 motori Raptor, che possono portare un carico che è il doppio rispetto alle missioni Apollo, e una navetta che può contenere ben 200 astronauti, in un viaggio che potrebbe durare anche solo 80 giorni, con un costo di 100k per passeggero.

L’obiettivo della missione, sarebbe quella di rendere l’uomo “una specie multiplanetaria”, e servirà una grande collaborazione tra settore privato e pubblico.

Le critiche non sono tardate ad arrivare, in quanto il Wall Street Journal ha affermato come SpaceX non ha ancora in realtà inviato nessun uomo nello spazio, e che l’azienda non è ancora in grado di spiegare perché il razzo Falcon 9 sia esploso. Tuttavia, il pubblico ha accolto le parole di Elon Musk con un vero e proprio “tifo da stadio”.

NESSUN COMMENTO

Rispondi: