Elezioni politiche 2013, partnership tra Google e La7

Elezioni politiche 2013, partnership tra Google e La7

0 1533

Devo dire la verità, non sono affatto sorpreso di vedere una pubblicità come quella vista stamattina su La7.

Da un po’ di tempo, infatti, la politica è diventata uno degli ingredienti vincenti della ricetta di successo di La7. Tante trasmissioni sono dedicate all’approfondimento. Oltre a quelle settimanali (come Piazza Pulita, Servizio Pubblico) in prima serata troviamo anche Omibus e Coffee break che durante la mattinata trattano queste tematiche cercando di rimanere il più possibile obiettivi ed indipendenti.

Una delle motivazioni che ha avvicinato molti cittadini a questa rete è stato l’approfondimento. Si può apprezzare o meno la linea editoriale di Mentana per il Tg La7 ma non si può negare l’evidenza ovvero quella di aver portato le notizie dentro il telegiornale. Troppa politica diranno alcuni ma una buona informazione non si dovrebbe occupare dei temi del paese ? In molti tg siamo costretti a ricevere notizie che potrebbero essere veicolate benissimo verso altri contenitori, a volte più vicini al gossip e al costume piuttosto che all’informazione.

E così la campagna elettorale 2013 entra nel vivo grazie ad un accordo tra La Stampa, La7 e Google stessa che si appresta a toccare ancora una volta uno dei settori strategici dell’informazione, quello dell’approfondimento. Non solo Twitter dunque. Chi aveva puntato tutto sui cinguettii brevi dovrà per forza di cose fare i conti con questa novità.

L’accordo con Google e l’integrazione con Google +

google-elezioni

La figura dell’elettore sta cambiando molto nel nostro paese, si vuole più trasparenza, più comunicazione e più collaborazione. E’ per questo motivo che non sorprende l’arrivo di “Google Elezioni”.

Vediamo come si compongono le varie voci dell’offerta tematica.

Video. Innanzitutto i video con un canale dedicato in cui è possibile trovare video aggiornati sui protagonisti politici e candidati premier oltre alle edizioni del tg e i contributi video delle varie trasmissioni di La7.

Dibattiti. Allo scopo è stata creata una pagina su Google +in cui seguire il dibattito oppure scegliere la funzione Hangout per discutere.

Notizie live. Naturalmente ogni canale aggrega e filtra le notizie rilevanti per cercare di generare quel coinvolgimento che l’azienda di Mountain View mira ad ottenere.

Chi pensava che su Google Plus ci fossero solo i professionisti del web marketing si dovrà ricredere, anche perchè i dati sugli utenti registrati evidenziano come Larry Page e Sergey Brin abbiano scavalcato Twitter e puntino direttamente ai numeri di Facebook che per ora sono ancora lontani. Gli stessi giornali online, spesso scontenti dei servizi come Google News, dovranno stare molto attenti a valutare correttamente il peso che la “search” esercita sui loro fatturati.

NESSUN COMMENTO

Rispondi: