WhatsApp pronta a entrare nel settore dei pagamenti elettronici

WhatsApp pronta a entrare nel settore dei pagamenti elettronici

WhatsApp è sempre più vicina a entrare nel settore dei pagamenti elettronici: un comparto sul quale l’app del gruppo di Zuckerberg vorrebbe giocare un ruolo da protagonista, seguendo l’esperienza di qualche suo competitor (WeChat) e allargando le funzionalità in modo ancora più innovativo.

Il sistema Payments su WhatsApp

Per rendersi conto di quanto siano prossimi i passi del sistema di messaggistica istantanea in tale settore, sia sufficiente ricordare come in una nuova versione beta dell’applicazione per sistemi operativi Android sarebbe stato avvistato in rete il supporto a Payments, un sistema di pagamento fruibile da tutti gli utenti interessanti a trasferire denaro mediante UPI (Unified Payments Interface).

Se tale spunto si concretizzerà in una nuova funzionalità da rendere massivamente disponibile ai propri utenti, è presto per poterlo dire con certezza. Tuttavia, i primi passi verso l’ingresso nel settore dei pagamenti elettronici sembrano essere compiuti, e gli sviluppi degli ultimi giorni sembrano ribadire l’impressione che gli utenti di WhatsApp potranno presto inviare denaro ai propri contatti, esattamente come – in Cina – fa già l’app WeChat, una diretta concorrente di WhatsApp.

Secondo qualche indiscrezione, è molto probabile che almeno per una prima fase Zuckerberg scelga di lanciare tale nuova funzionalità nel solo mercato statunitense, seguendo così la strada già tracciata da Facebook Messenger, e rimandando in un secondo momento l’eventualità di un allargamento a una platea più ampia di utenti del proprio servizio Payments (del quale, peraltro, si parlava già nella scorsa primavera, quando un rumor proveniente dall’India anticipava che un lancio sperimentale del servizio sarebbe partito proprio dal subcontinente).

Per quanto attiene gli sviluppi futuri più pragmatici, riteniamo ben possibile che WhatsApp scelga di entrare in questo settore con ambizioni di protagonismo: offrire pagamenti elettronici ai propri utenti significa poter cogliere l’occasione di diversificare la gamma dei propri servizi, conferendo nuovi valori aggiunti al suo miliardo di utenti giornalieri (traguardo certificato pochi giorni fa), per un numero che sale a quota 1,3 miliardi su base mensile.

Insomma, se quotidianamente WhatsApp assiste allo scambio tra i propri utenti di 55 miliardi di messaggi, 4,5 miliardi di foto, 1 miliardo di video, presto a tali statistiche si potranno aggiungere anche i trasferimenti di denaro.

Tante le novità in arrivo

Pur preminente, quella di cui sopra non è l’unica novità in arrivo sul mondo WhatsApp, con il sistema di messaggistica istantanea che, anzi, si appresta ad accogliere numerose innovazioni di forma e di sostanza che potrebbero contribuire a rendere ancora più appagante l’uso delle proprie funzionalità.

È di pochi giorni, ad esempio, l’annuncio della personalizzazione dello sfondo dei post, con colori e combinazioni di colori che ricordano quelle già in uso su Facebook, o ancora la possibilità di segnalare la propria posizione e condividerla con i propri contatti o con i propri gruppi. Ancora, sarà possibile fruire di un nuovo servizio di eliminazione dei messaggi (anche quelli già recapitati), di gestione della memoria e… di zoom delle immagini. Che ne pensate?

NESSUN COMMENTO

Rispondi: