Facebook dichiara guerra ai falsi profili, arrivano gli account verificati

Facebook dichiara guerra ai falsi profili, arrivano gli account verificati

0 2424

facebook-verified-page

Facebook ha annunciato in un comunicato l’arrivo di pagine e profili verificati. Meglio tardi che mai.

Gli account verificati avranno sul loro profilo un segno di spunta blu, un po’ come accade con Twitter. Come possiamo vedere facendo già adesso una ricerca ci sono dei brand famosi nel mondo che hanno già avuto questo riconoscimento :

facebook-mercedes-verified-page

Tempi duri dunque per chi campa alle spalle di brand e pubblicità. Questo aggiornamento aiuterà gli utenti a capire se le pagine che frequentano corrispondono effettivamente a chi dichiarano di essere, siano esse celebrities o marchi conosciuti.

Il badge di verifica viene posto accanto al nome della pagina e compare nelle query di ricerca così come anche negli annunci o quando si passa con il mouse sul nome della pagina.

facebook-search-starbucks

Per avere il profilo verificato non sarà necessaria alcuna procedura aggiuntiva, Facebook stessa provvederà automaticamente a verificare le pagine relative a marchi famosi, a giornalisti o celebrità in modo da renderle inconfondibili per gli utenti. Sarà inoltre possibile segnalare al team anti spam eventuali duplicazioni o abusi legati allo sfruttamento della propria immagine,

Per il momento vediamo solo dei marchi americani fra quelli verificati, attendiamo l’arrivo anche in Italia.

Pulizia di primavera prima dell’arrivo di Graph Search

facebook-nuovo-layout

Sul mio account personale di Facebook è stato attivato il nuovo newsfeed di cui abbiamo parlato in questo articolo. Nella barra in alto come potete vedere ci sarà la possibilità di cercare luoghi, persone, ed oggetti.

Anche il modo di ricercare sul web sta cambiando molto. Stiamo di fatto passando dalla ricerca di contenuti alla ricerca di persone autorevoli che ci possono proporre i contenuti che ci interessano, un cambio radicale nella filosofia e nell’approccio al modo con cui cerchiamo le informazioni. Questo sarà ancora più evidente con l’arrivo di Search Plus Your World di Google e con il Graph Search di Facebook.

Per fare questo però occorre fare pulizia per eliminare tutta una serie di pagine duplicate o false che campano sulle spalle dei brand e non solo. Spesso pagine e contenuti condivisibili dalla maggioranza degli utenti come aforismi, iniziative di solidarietà o barzellette vengono poi utilizzate, una volta raggiunto un certo numero di like, per vendere pubblicità o peggio fare spam.

Il problema di molti social come Facebook ma anche Twitter è quello dei fake. Con questa mossa vedremo se gli utenti ne beneficeranno e se in ambito business daranno un colpo di scure alla compravendita di fan e followers, un mercato che vale ancora milioni di dollari.

NESSUN COMMENTO

Rispondi: